Cerca nel blog

sabato 24 luglio 2010

Intervista Shel Shapiro


da " Il quotidiano della Basilicata"

Shel e il Beat Immortale



di Francesco Altavista









Baby, non fare tante storie, io so cosa vuoi . Era il periodo nel quale questo sberleffo jaggeriano faceva il giro del mondo. Il sesso si mischiava più alla rabbia che all’amore, una rivoluzione culturale e sociale si muoveva sui marciapiedi d’Europa grazie al mito americano alla sua massima espressione e nello scontro generazionale viveva l’epoca Beat . Nel 1963, Papa Paolo VI, si narra piangendo, è protagonista dell’entrata nelle chiese della lingua volgare al posto del latino e con questo le porte delle chiese si spalancarono a questa nuova cultura. Quasi contemporaneamente si aprivano nuovi luoghi di culto laici, come il tempio della cultura beat : il Piper Club. Un movimento incredibile che porta scrittori come Borroughs, Corso, Ferlinghetti, Ginsberg, Kerouac, e McClure a essere capiti e letti anche da ambienti

più popolari e meno intellettuali. La Manifestazione di Brienza, Notti al castello- Anni Ribelli si colora di Beat e il 6 agosto ci sarà uno spettacolo teatrale-musicale proprio su questo periodo di ribellione: “ Beatnix” con il grande Shel Shapiro. Uno spettacolo scritto insieme al grande Edmondo Berselli scomparso dopo una grave malattia lo scorso 11 aprile a Modena. Il Londinese Shel Shapiro ex leader del gruppo beat The Rokes è produttore , cantante e attore di successo. Nel 2006 è stato contattato da Dori Grezzi per l’adattamento in lingua inglese di alcuni brani di De André per un album e tour della poetessa del Rock, Patty Smith e PFM ; da anni è ormai impegnato nel teatro musicale. In anteprima si concede in esclusiva per un’intervista con “ Il quotidiano”.

Shel, il beat è un grande movimento pieno di contraddizioni e incomprensioni , cosa vuoi dire con lo spettacolo Beatnix?

Non pretendo di dare dei messaggi. Diciamo che leggendo il materiale letterario di autori come Kerouac, Corso, Borroughs e altri , ho notato che sono cresciuti durante la grande depressione. La cosa comune tra tutti era il fatto che una società apparentemente ricca e benestante da un giorno all’altro si mette in ginocchio per la mancanza di controllo finanziario. Questo spettacolo guardando ad oggi è stato un po’ profetico. Ho portato questo materiale, dopo aver raccolto altre informazioni, ad Edmondo Berselli che da subito ha dimostrato la sua accettazione e mi ha detto di cominciare a raccontare. Lo spettacolo è un racconto , non è una fotografia di questi autori o delle loro opere , ma una narrazione di quella società che ha prodotto loro e anche tanta musica. E’ uno spettacolo molto serio , è molto più colto dei precedenti spettacoli.

Tra gli spettacoli precedenti c’è Sarà una bella società che ha avuto un grande successo , tra l’altro trasmesso anche da Rai Due. Rispetto ai tempi del beat e del rock , la nostra è una bella società?

La società di oggi , il mondo di oggi non è per niente sovrapponibile a quei tempi. Oggi , l’80% di quello che facciamo è indotto da suggerimenti visivi. Questi diventano un modo per poter vivere , dipende da questo tipo di televisione che diventa maestra. Se avessimo dei “ venerati “ maestri come diceva Edmondo , allora avrebbe un senso ma questa è una televisione anti-culturale al massimo ; tranne rare eccezioni che comunque non sono culturali. L’Italia di allora come l’Europa di allora viveva nell’immediato dopo- guerra, era una società in bianco e nero. Ora si deve capire se i cambiamenti che abbiamo avuto, sono cambiamenti logici o illogici. Sicuramente gran parte sono illogici. La crescita economica non è stata controbilanciata da una crescita culturale , anzi quest’ultima è addirittura regredita. Dipende dalla televisione , io insisto. E’ portatrice di virus letali. Bisogna spegnerla almeno per dieci anni per vedere cosa sta succedendo intorno a noi è una cosa assurda.

In questo mondo, l’arte si è assuefatta alle immagini false del potere ?

Moni Ovadia mi ha raccontato una frase di Proietti che diceva : Il teatro è l’unico luogo dove tu non puoi non dire la verità . Paradossalmente il teatro è luogo di invenzioni quindi dovrebbe essere il regno della non verità. A teatro però tu puoi raccontare qualunque cosa, la tua essenza ecco perchè la verità diventa fondamentale. La verità non può subire il potere perché proprio per una suo concezione diciamo naturale , deve fare i conti con l’etica e la trasparenza di emozioni. Il Teatro concepito come alla nascita è un luogo dove il potere non ha importanza perché deve per essere tale raccontare la verità.

Per quanto riguarda la musica in particolare il Rock ?

Vedi il Rock di allora era settoriale, si rivolgeva solo ai giovani. La musica in generale era comune denominatore di tutti,perché era il più importante mezzo di comunicazione. Una canzone di successo faceva il giro del mondo perché non c’era nient’altro. Oggi c’è internet e altri mezzi e allora la zona principale della comunicazione non è più la musica. Il rock non è stato ucciso , solo che ha perso la sua posizione di dominio comunicativo. Tutto è cambiato non c’è paragone , non c’è ideologia, moralità ed etica specie negli ultimi anni. Si devono trarre le conseguenze , meglio prima o ora? Io non sono uno che guarda indietro con nostalgia, la odio ma si sono perse o si vogliono perdere alcune guide fondamentali per i nostri figli: Non accettare nessun valore se prima non si vive , mettere sempre in dubbio. Non è nostalgia ma io posso continuare a parlare di queste cose , i giovani devono fare altro, devono cominciare a combattere anche loro se no siamo fritti.

Vita da Rock Star

Tra i mille talenti si Shel Shapiro c'è anche la scrittura , " io sono Immortale" è il suo ultimo libro . Ma cos'è per l'ex Rokes l'immortalità

Si può concepire in due modi - spiega Shapiro - uno si guarda allo specchio nudo e dice “ io sono Immortale “ oppure si guarda allo specchio e mentre dice “io sono Immortale “ alza il dito medio.

Nel libro di Shapiro si parla di sogni

Quale è il suo sogno artistico ? Vuoi ancora diventare una Rock Star ?

Shel in proposito non ha dubbi.

Io Rock star voglio essere sempre , non è un vestito che si indossa , o lo sei o non lo sei. Voglio fare tante cose , per esempio non ho mai dipinto , mi hanno chiesto di fare un dipinto pochi giorni fa ma non credo di avere questo talento. Ora faccio “Shylock” da Shakespeare con Moni Ovadia e credo sia assolutamente da Rock Star. Sogno l’incoscienza sempre , quella che guarda al divertimento , a mettere a rischio, metaforicamente, la propria vita , accettare una cosa non usuale. Rock Star è perdere l’innocenza ma non incoscienza proprio perché una Rock Star non muore mai.






5 commenti:

Tony ha detto...

Grande FRank!!!!
Sei unico!
Bell'articolo.
Ciao
Tony Farina

Anonimo ha detto...

An intriguing diѕcussion is definіtеlу wοrth сomment.
There's no doubt that that you ought to write more on this topic, it may not be a taboo matter but generally folks don't tаlk
аbout theѕe toрicѕ. To the next!
Chеers!!

Feel fгeе to vіsit my ωeb-ѕitе :: V2 Cigs Review

Anonimo ha detto...

At thіs time it appears likе BlogEngine
іs the beѕt blogging platfоrm
aνailablе right now. (from what Ӏ've read) Is that what you'гe using on your blοg?


Feel free to νіѕit my blog ... www.hmongregister.com

Anonimo ha detto...

I do nοt evеn κnow how I enԁed uρ heгe, but I thought this
poѕt was gгeat. I don't know who you are but definitely you're going to a famouѕ blogger if you aren't already ;) Cheers!

Here is my page ... http://www.Sfgate.com/business/prweb/article/V2-Cigs-Review-Authentic-Smoking-Experience-or-4075176.php

Anonimo ha detto...

Todaу, I went tо the beаch with my сhildren.
I founԁ a sea ѕhell аnd gаve it to my 4 уear old daughter
and ѕaiԁ "You can hear the ocean if you put this to your ear." Ѕhe put the shell to heг еar anԁ screamed.
Theге wаs a hermіt cгab inside
and it pinched heг ear. Ѕhe never wаnts
to go bаck! LοL I know thiѕ is cоmpletеly off topіc but Ӏ had
to tell someone!

Take a lοok at my sitе: v2 cig review